Alfonso Borghi e Mario Pavesi | Materia-S-Cultura

borghi-pavesi locandinaZanini Arte è lieta di invitarvi al prossimo Vernissage della MOSTRA DOPPIA PERSONALE di ALFONSO BORGHI e MARIO PAVESI | MATERIA-S-CULTURA

a cura del Prof. GIANFRANCO FERLISI

SABATO 30 Settembre alle ore 18.00

Con il Patrocinio del Comune di San Benedetto Po

30 SETTEMBRE – 12 NOVEMBRE 2017

MATERIA-S-CULTURA

una storia fatta d’Arte

opere di Alfonso Borghi e Mario Pavesi

Il prossimo sabato 30 settembre, a San Benedetto Po, presso la Galleria Zanini, si aprirà Materia-S-Cultura, una rassegna creativa immaginata quale momento di confronto di due assoluti protagonisti della nuova scena visiva italiana. La mostra, curata da Gianfranco Ferlisi, intende indagare la produzione recente di due personaggi della contemporaneità: Alfonso Borghi e Mario Pavesi. Si propone così un confronto-scontro, un vero e proprio epico big match, quasi come quello tra Mayweather e McGregor, in cui però si porta in scena la delicatezza di un pensiero estetico e di una produzione artistica che si distingue per qualità e originalità. Nell’esposizione si parla di cultura visiva contemporanea made by two italians, di due artisti che rappresentano la punta di un iceberg non troppo sommerso, della creatività del nostro Paese. Alfonso Borghi e Mario Pavesi godono infatti di un prestigio e di una reputazione che supera i confini della penisola. Tutti e due sono interpreti e innovatori di una tradizione basata sul progetto, sulla materia, sul disegno, sulla linea che demarca i contorni e che definisce le forme, su una cultura che pone in primo piano la facoltà comunicatrice dell’immagine. Tutti e due, attraverso esperienze diverse, sono ambasciatori della genialità italiana nei quattro angoli del mondo.

borghi

A San Benedetto Po risuona ancora la eco della recente esposizione di Borghi nell’incanto del Refettorio Polironiano. È ovvio che anche in questo nuovo appuntamento il pubblico potrà deliziarsi di un distillato sublime di arte, perché ciascuna tela, esposta alla Galleria Zanini, apre inedite sfaccettature di una pittura, fatta di astrazione, di gesto, di materia e di forza espressiva traboccante. Una rinnovata sensualità di un tessuto pittorico ribollente come magma, dai contorni incerti, dalle accensioni timbriche che, ancorché spesse e compatte di matericità, risultano tuttavia delicate e fragili, darà la misura della capacità dell’artista di vivere intensamente d’immaginazione, di apparizioni di luce e di poetico sentire. E alla fine le nuove opere portano là dove le parole non arrivano e tutto sa di miracolo. Il pubblico, in alternativa, potrà soffermarsi nel parallelo percorso delle sculture di Mario Pavesi, per addentrarsi in un lungo racconto tra marmi e bronzi colmi di riferimenti classici, intrisi di molteplici umori novecentisti e di una sorvegliata sapienza tecnica. Un brusio di fondo si leva da queste sculture che danno vita a composizioni che brulicano di soluzioni imprevedibili e inaspettate. Una ispirazione felice mostra il significato di una potenza d’espressione che trasporta oltre la beltà epidermica del semplice saper fare. Perché questo Mitoraj padano porta alla luce una vitalità in grado di alimentare un intenso coinvolgimento col riguardante.

pavesi

 

Le opere di Mario Pavesi sono portatrici del sentimento di una riflessione plastica e di una antica identità di cui la nostra cultura contemporanea sembrava assai ansiosa di smarrire i riferimenti. La sua poetica della perduta bellezza apre le pagine del diario di un naufrago e le sue opere si colmano degli echi e delle memorie di un uomo che ha cercato di dare forma e significato a una materia che volutamente doveva rinnovarsi senza rinunciare al grande emporio dell’antico. E alla fine il sentimento della poesia, per quello speciale miracolo che sanno realizzare solo gli artisti, riesce a battere, con un fascino inimmaginabile, in una rassegna in cui materia e cultura si misurano con gli aspetti segreti e simbolici degli spazi espositivi, per immaginare e lasciare immaginare un’esperienza in cui passato, presente e futuro trovano un ideale punto di congiunzione. E tutte le opere parlano dell’attualità ritrovata della pittura e della scultura.

Gianfranco Ferlisi

pavesi 2

GLI AUTORI

Mario Pavesi

Mario Pavesi nasce il 5 agosto 1945 a Guastalla (Reggio Emilia). Dopo gli studi superiori si iscrive all’Accademia delle Belle Arti di Bologna e segue il Corso di Scultura di Umberto Mastroianni. In questa sede incontra lo scultore Dante Carpigiani che insieme al pittore novellarese Vivaldo Poli diventeranno punti di riferimento per la sua formazione umana e artistica. In quarant’anni di attività, ha sperimentato vari percorsi pittorici e scultorei, svincolati sempre e comunque dalle logiche del mercato e dalle mode del momento, ma sempre legati alla sfera delle emozioni e alla ricerca incessante di una interiorità sofferta. Attualmente, oltre alla produzione artistica, si dedica ad una intensa attività didattica tenendo corsi di formazione a vari livelli. Vive e lavora a Novellara in provincia di Reggio Emilia.

pavesi 3

Alfonso Borghi

Nato nel 1944 nella cittadina di Campegine di Reggio Emilia, Alfonso Borghi si avvicina alla pittura  a soli 18 anni, ha la possibilità di esporre le sue opere per la prima volta, grazie all’interessamento di un collezionista, parte per un breve viaggio a Parigi. Da questo soggiorno consegue una ricerca appassionata, che virerà verso l’Espressionismo dopo il suo ritorno in Italia, grazie anche al fortunato incontro con George Pielmann, allievo di Kokoschka. Il suo essere espressionista viene sottolineato da un atteggiamento originale, in cui l’approccio con la tela è scevro da costrizioni ideologiche. Futurismo, Surrealismo, Figurativismo morandiano, sono solo le fondamenta di una poetica artistica che combina esperienza e ricerca in opere originali, distanti dalle imposizioni formali di una certa pittura. Borghi utilizza il colore come baricentro della sua esperienza artistica. La materia completa poi l’opera. Crea così un equilibrio solido, uno Yin e yang di luci e ombre di materia e di spirito, in cui diversi elementi si inseguono per fondersi in una concordanza cromatica sempre originale.

borghi 2

Via Virgilio 7, San Benedetto Po (Mantova)

Tutti i giorni: 10-12 / 15.30-19.00

zaninicontemporary@gmail.com / 360.952089 – 335.6716531

www.zaniniarte.com

Facebook: Art Gallery Zanini Arte

Un evento a cura di

Zanini Arte

Galleria d’arte antica, moderna e contemporanea che affonda le proprie radici nella passione per il collezionismo e nella ricerca di opere autentiche di alto valore.