PRESENTAZIONE VOLUMI EVENTI INTERNAZIONALI DEL MAESTRO NUNZIANTE

locandinaLa Galleria d’Arte antica e contemporanea ZANINI ARTE è lieta di invitarvi al prossimo grande evento

Con la presenza del Maestro NUNZIANTE

DOMENICA 9 APRILE alle ore 18.00 il prof. GIAMMARCO PUNTELLI presenterà cataloghi e opere relativi ai grandi eventi internazionali

Antonio Nunziante in un’eccezionale mostra di Leonardo Da Vinci | XPO Bruges

Antonio Nunziante « SULLE TRACCE DI LEONARDO DA VINCI »

Nel 2017, il Sito Oud Sint-Jan de Bruges riceverà una mostra di estrema importanza, in prima mondiale, di un insieme di cento bozzetti di Leonardo da Vinci. Si tratta della più grande collezione privata del mondo delle macchine di Da Vinci! La mostra è illustrata da dei documenti originali eccezionali realizzati dagli artisti del suo tempo o ispirati da Leonardo: Michelangelo, Raffaello, Albrecht Durer, Giorgio Vasari e Canaletto… delle opere di Antonio Nunziante faranno parte integrante di questo percorso che evoca l’età d’oro del Rinascimento.

.Curatori:  Jean-Christophe Hubert, storico dell’Arte, università di Liège, commissario della mostra, conservatore delle collezioni Pablo Picasso a Bruges e Joan Mirò a Spa

« Pensare l’immagine e dipingere il pensiero » Antonio Nunziante con Magritte – Delvaux – Dalì – Chagall 1 giugno | 15 agosto Bruges – Xpo Center Picasso 18 agosto | 3 settembre Liegi – Castello di Waroux 10 settembre| 20 ottobre Arlon – Palais d’Arlon 30 ottobre Bruxelles – Aran Art Gallery

Una mostra eccezionale e itinerante.

Nel 2017 e 2018, svariati musei e luoghi culturali in tutto il Belgio renderanno omaggio al talento del pittore Antonio Nunziante. A partire dal primo Giugno, una mostra itinerante intitolata “Antonio Nunziante, pensare e dipingere il pensiero” sarà presentata a Bruges nella collezione permanente di Pablo Picasso, al Castello di Waroux a Liège, al Palazzo regale d’Arlon, poi a Bruxelles e a Knokke. L’esposizione esplora il lavoro di questo pittore essenziale della pittura metafisica. Come i suoi celebri contemporanei, Antonio Nunziante a preso le lezioni dei suoi maestri per sublimarli. Riconosciamo perfettamente le citazioni del pittore che evoca regolarmente la sua ammirazione per i maestri antichi o moderni come Giorgio de Chirico o René Magritte…

Il lavoro di Nunziante con delle opere di Magritte, Delvaux, Dali o Chagall.

In questa esposizione, i quadri scelti illustrano le diverse sfaccettature del lavoro di Antonio Nunziante. Le opere del pittore saranno esposte di fianco a lavori di René Magritte, Paul Delvaux, Salvador Dali e Chagall. Nella scenografia, il pubblico scoprirà che Antonio Nunziante trova la perfezione in tutto ciò che è puramente bello, e in tutto ciò che è equilibrato. Il pittore privilegia il vissuto, i ricordi, la speranza, le emozioni, le forme elementari, universali e senza tempo. Un’estrema finezza ricorda altre culture. Da questa alchimia, delle forme sembrano nascere in una nuova nascita, più spirituale, dalla quale si emana un’impressione di stabilità. L’anima contenuta nelle sue composizioni sembra aprirsi alla coscienza del mondo. La qualità maggiore di Antonio Nunziante è, grazie ad una tecnica eccezionale, di approfondire le scelte artistiche dei suoi grandi maestri e di spingerle al limite dei loro universi diversi. Il lavoro di Antonio Nunziante corrisponde a una certa messa in evidenza dell’inconscio. Il suo approccio all’immagine è frutto di un’intensa riflessione. Mischiando nei suoi quadri immagini e pensieri, articola il visibile a partire dall’invisibile e rende vivo il potere poetico del linguaggio e dell’immagine. Antonio Nunziante, con una sottigliezza fuorviante e crudele, usa la sua libertà di pittore per lasciar regnare dappertutto il “non rapporto” del visibile e del leggibile, del vedere e del leggere.
Non possiamo che riconoscere la forza straordinaria delle opere di Antonio Nunziante. Al di là di una concezione nuova dell’immagine, è una concezione nuova e moderna dell’opera d’arte intera che propone l’artista. Riduce al niente l’antico ordine della rappresentazione. Antonio Nunziante usa anche regolarmente il silenzio, che regna nella sua opera, per esprimere il mistero in forma poetica. Le sue immagini provano a rendere visibile l’invisibile. Antonio Nunziante è convinto che il solo modo per accedervi, di comprenderlo, risiede nella poesia. Lei sola “possiede il potere di sorprenderci e incantarci”. Nelle opere di Antonio Nunziante, la poesia rende visibile il mistero e propone una nuova visione del mondo nella quale lo spettatore ritrova il suo isolamento e “ascolta il silenzio del mondo”…

Curatore: Jean-Christophe Hubert, storico dell’Arte, università di Liège, commissario della mostra, conservatore delle collezioni Pablo Picasso a Bruges e Joan Mirò a Spa con la collaborazione di Vincent Damseaux – SLCD e François-Xavier Remion

locandine
L’Autore
Nunziante nasce a Napoli nel 1956 e sperimenta la pittura ad olio a soli otto anni. Nell’ ’83 l’America incontra l’ opera di Nunziante agli Artexpo di New York e Los Angeles. Nel ’90 è Tokyo ad ospitarlo con una personale. Nel ’91 ancora New York e nel ’92 Firenze. Nella mostra ‘Il Valore della Figura’ del ’96 presenzia con due opere tra i più grandi del ‘900 italiano: Bueno, Cascella, De Chirico, Guttuso, Modigliani, Morandi, Marino Marini, Severini e Sironi. Il nuovo millennio Nunziante lo accoglie con ‘Dimensioni Parallele’, esposto nel 2001 al museo Bossuet-Meaux di Parigi nella mostra ‘Hommage à l’île des morts’ accanto alle opere di Salvador Dalì e Max Ernst. Questo è anche il decennio delle grandi conferme, dei successi e dei riconoscimenti: espone a New York, Philadelphia, Londra, Parigi, Miami e Praga. Il 2009 è l’anno delle grandi antologiche nei musei di Torino e Roma, della mostra di Beverly Hills “Metaphysical & Surrealism” con Dali, Ernst, Tanguy e Delvaux, dei record price raggiunti nelle aste di Sotheby’s Milano a maggio e novembre. Ma è l’ anno 2011 a consacrarlo con la mostra ‘Nunziante dal Caravaggio’ a Castel Sismondo, dove Nunziante si ispira e si confronta con ‘L’estasi di San Francesco d’Assisi’. Una tappa personale al Chiostro del Bramante di Roma e poi Genova a Palazzo Ducale accanto a Van Gogh, Gauguin, Monet, Turner, Kandinsky, Wyeth e Homer. Le opere delle quattro grandi mostre del 2011 sono ritenute tra le più alte della carriera del maestro. Tali capolavori conquistano la città di New York con la grande personale del 2012 a Soho dal titolo “Works”. In occasione dell’anno della Cultura Italiana cinque grandi opere saranno esposte nella sede del Consolato Italiano di New York fino a giugno 2013. Saranno due importanti successi a segnare il 2013: i record price da Sotheby’s New York, con gli oli “Progetto per un viaggio ancora possibile” e “Atelier sul mare”, aggiudicati rispettivamente a 62.500 $ e 68.750 $. Il 2013 si chiude con una prestigiosa personale a Dubai, presso il Capital Club. Il 2014 si apre con una collettiva internazionale a Palazzo Reale di Torino con De Chirico, Warhol,Casorati, Boetti, Savinio, Hirst, Schifano, Baj, Rotella, Chia e Botero, a cui seguono le due importanti antologiche a Palazzo Medici Riccardi di Firenze in contemporanea al Maggio Fiorentino e a Palazzo Panichi di Pietrasanta, per i 500 anni dalla morte di Michelangelo Buonarroti. Nel 2015 è presente alla collettiva internazionale itinerante “Imago mundi” presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, poi allestita anche a Palazzo Cini, nell’ambito della Biennale di Venezia. Nel frattempo la Casa del Mantegna di Mantova ospita “Magnifico”, mostra evento che inaugura il progetto “Avanguardia Rinascimentale” con opere recenti del maestro. All’opening è stata consegnata a Nunziante la medaglia del Presidente della Repubblica da parte dell’Accademia della Torre di Carrara. Il 2015 prosegue con la mostra “De Chirico, Nunziante: oltre le apparenze”, a Palazzo Mathis di Bra e con l’esposizione “From Picasso to Nunziante” al Centre of Modern Art Site Oud Sint-Jan di Bruges. Mostra che ha suscitato un forte interesse nei confronti del direttore del museo di Bruges e che ha dichiarato la volontà di inserire il maestro Nunziante in una collettiva per il 2016, con Pablo Picasso e Joan Mirò. Nel Febbraio 2016 l’evento “Rinascimento Contemporaneo” nel Refettorio Monastico Polironiano Matilde di Canossa.
.
Tutte le conferenze della rassegna Caffè Letterario si terranno all’interno degli spazi allestitivi della galleria Zanini, con un susseguirsi di mostre d’arte antica e contemporanea diverse ogni mese.
In questo momento in Galleria sono in corso la Mostra personale di Alfonso Borghi “Sulle Ali dello Spirito e la Mostra personale di Juan Eugenio Ochoa “DITTICO” — L’ingresso è LIBERO sia alla conferenza che alla visita delle esposizioni

Un evento a cura di

Zanini Arte

Galleria d’arte antica, moderna e contemporanea che affonda le proprie radici nella passione per il collezionismo e nella ricerca di opere autentiche di alto valore.